Spedizione gratuita sopra i 35€ in 24/48 ore - Tel. 0545 82966

La cura delle mani con gli oli essenziali

oli essenziali mani

Le mani possono raccontare molto di noi, le utilizziamo per svolgere le azioni quotidiane e per coccolare chi amiamo. E’molto importante che siano adeguatamente curate, anche perché quotidianamente le sottoponiamo all’azione di sostanze inquinanti e detergenti particolarmente aggressivi. Gli oli essenziali possono aiutarci a mantenerle belle ma soprattuto sane. Se si utilizza già una crema mani possono essere aggiunti a questa (una decina di gocce per 100ml), in caso contrario è possibile prepararne una apposita.

Crema base per le mani:
12 gr di burro di cacao
30 ml di olio di mandorla
12 gr di cera d’api
Sciogliere il burro di cacao e la cera d’api a bagnomaria, quindi aggiungere l’olio di mandorla e 10 gocce di olio essenziale. La crema si può rendere più o meno liquida aggiungendo un quantitativo maggiore o minore di olio di mandorla, a proprio piacimento.

Oli essenziali adatti a mani secche e trascurate:
Geranio – Patchouli – Rosa –  Limone – Neroli

Oli essenziali antisettici, per mantenere le mani pulite mantenendole elastiche e belle:
Limone – Rosmarino – Lavanda – Eucalipto

Alcuni di questi oli sono utili anche per aiutare la crescita delle unghie e rafforzarle. E’ sufficiente creare una miscela sinergica con un olio vettore (è molto consigliato l’olio di jojoba o di carota) e circa 10 gocce ogni 100 ml di Cipresso,RosmarinoLimoneEucalipto o Pompelmo da conservare in una bottiglia, possibilmente di vetro scuro. Ogni volta che si desidera si può applicare massaggiandola sulle dita delle mani e dei piedi.

Per chi intende ammorbidire le cuticole il massaggio può essere eseguito con olio di jojoba ed Eucalipto.

Nel caso in cui, invece, una micosi affliggesse le unghie, a 5 ml di olio di jojoba si deve aggiungere
2 gocce di Lavanda,
1 di Timo
2 di Tea tree

Una volta che vi siete presi cura di loro,
potete usare le vostre mani per fare cose bellissime!

Lo staff di Olfattiva*

Condividi questo articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *